IL NOSTRO STUDIO E' SPECIALIZZATO NELLA CONSULENZA RIGUARDANTE:
- PROBLEMATICHE FISCALI E SOCIETARIE TRA ITALIA E STATI UNITI
- AGEVOLAZIONI PER VENIRE IN ITALIA: REGIME IMPATRIATI, RICERCATORI E DOCENTI, PAPERONI E PENSIONATI ESTERI
- DICHIARAZIONI DEI REDDITI AMERICANE: TAX RETURN E MODELLI FBAR
- SANATORIE AI SENSI DELLA NORMATIVA FATCA: STREAMLINED FOREIGN & DOMESTIC OFFSHORE PROCEDURES
- CITTADINI AMERICANI CHE SI TRASFERISCONO IN ITALIA MANTENENDO I LORO RISPARMI NEGLI STATI UNITI
- TRUST AMERICANI CON BENEFICIARI ITALIANI: COME SI COSTITUISCONO E DOVE SI TASSANO
- SUCCESSIONI E PENSIONI ITALO-AMERICANE: TASSAZIONE IN ITALIA ED AMERICA

9 gennaio 2022

Il modello FBAR: perché è importante compilarlo e quali sono le sanzioni per chi non lo presenta correttamente

In questo post cercheremo di capire perché è particolarmente importante compilare il modello FBAR per i Cittadini Americani residenti in Italia.
E' noto che un Cittadino Americano che viva in Italia sia obbligato a presentare la Dichiarazione dei redditi Americana (Tax Return) anche se i suoi redditi sono di fonte Italiana e non ci siano redditi di fonte Americana. E' però altrettanto importante sapere che la presentazione del modello FBAR è altrettanto, se non più importante della presentazione della Tax Return.
Vediamo perché.



COS'E' IL MODELLO FBAR? A COSA SERVE?

Cominciamo col dire che FBAR è un acronimo che sta per: FOREIGN BANK ACCOUNT REPORT.
Si tratta di un adempimento ulteriore e diverso rispetto alla presentazione della Dichiarazione dei Redditi Americana che, per certi versi, può essere assimilato alla presentazione del quadro RW della Dichiarazione dei Redditi Italiani: vedremo nel prosieguo dell'articolo le principali differenze e similitudini tra i due.

Nella sostanza con il modello FBAR (denominato anche alternativamente "FinCEN Form 114") il Cittadino Americano che risiede in Italia è tenuto a comunicare alle Autorità Statunitensi tutti gli "Account Finanziari" che lo stesso detenga all'estero. 
Ovviamente per "estero" (Foreign) si intende rispetto agli Stati Uniti.
Pertanto un Cittadino Americano che risieda in Italia deve comunicare in tale modello FBAR tutti i rapporto finanziari detenuti a qualsiasi titolo:
- in Italia;
- in ogni altro Paese diverso dagli Stati Uniti.
L'obiettivo del modello è quello di creare un obbligo autodichiarativo tramite il quale il contribuente comunica all'IRS Americano tutti i propri account finanziari esteri (dato che gli account "domestic", cioè Americani, sono già conosciuti da parte dell'IRS). 
Quest'obbligo è particolarmente importante e delicato per due aspetti fondamentali:

1) I dati degli account finanziari dei Cittadini Americani residenti fuori dall'America sono comunicati automaticamente anno per anno all'IRS da parte delle Istituzioni Finanziarie di tutto il mondo a seguito dell'applicazione della ben nota normativa FATCA (Foreign Account Tax Compliance Act).

2) Gli aspetti sanzionatori di tale modello FBAR sono particolarmente importanti, come vedremo a breve.

La combinazione di questi due fattori fa sì che il soggetto sia di fatto obbligato alla comunicazione FBAR, avendo la propria Banca o Assicurazione già comunicato sia i saldi, sia i flussi del proprio account all'IRS.

Ci si potrebbe chiedere perché sia necessario tale obbligo se i dati sono già comunicati ab origine all'IRS da parte delle Istituzioni Finanziarie estere; la risposta è che:
- non tutti i Paesi del Mondo hanno aderito al FATCA. Siamo però di fronte a casi assolutamente minimali, nell'ordine dell'1-2% del Paesi al mondo che non hanno accettato la normativa FATCA.
- le Istituzioni Finanziarie Estere sono tenute a compiere una due diligence per capire se il proprio cliente sia o meno un Cittadino Americano. Però questa due diligence non dà la certezza assoluta di poter identificare tutti i Cittadini Statunitensi, dato che si basa solo su alcuni elementi che possano essere indicatori di una ipotetica Cittadinanza Americana.
Vediamo un paio di esempi per capire meglio di cosa stiamo parlando.

Esempio 1.
Il caso classico in cui la banca si accorge che il proprio cliente è Cittadino Americano è quello in cui il soggetto sia nato negli Stati Uniti.
Sappiamo che in America vige lo Ius soli, e che pertanto un soggetto che è nato in America è automaticamente Cittadino Americano. Pertanto in questo caso la Banca si trova di fronte ad un Cittadino Americano, a meno che lo stesso non abbia già rinunciato alla Cittadinanza Americana (cosa che deve essere effettivamente provata alla Banca documentalmente).

Esempio 2.
Per contro, il caso classico in cui la banca NON si accorge che il proprio cliente è Cittadino Americano è quello in cui lo stesso:
- sia residente in Italia;
- abbia un nome e cognome Italiani;
- sia diventato Cittadino Americano non per nascita ma successivamente, per parentela ad esempio.
In tal caso la Banca è "cieca" dato che non vede alcun elemento indicatore di "Americanità" e pertanto non qualifica il soggetto come Cittadino Americano.
I soggetti in questo secondo esempio sono quelli che noi definiamo "Americani silenti" nel senso che la loro Cittadinanza Americana non è mai stata chiesta esplicitamente dalle Istituzioni Finanziarie Italiane al soggetto.
In tal senso è importante capire alcuni punti chiave:
- tali soggetti sono comunque tenuti alla compilazione del modello FBAR, essendo Cittadini Americani. 
- lo stato di non conoscenza della Istituzione Finanziaria della Cittadinanza Americana del cliente può esistere solo per "vecchi" conti correnti (accesi prima del 2014), ma non può esistere per alcun nuovo conto corrente dato che all'apertura di un qualsiasi rapporto finanziario, bancario o assicurativo è necessario per ogni cliente firmare la cosiddetta autocertificazione FATCA, in cui il soggetto è obbligato a dichiarare se sia o meno Cittadino Americano.
Ed ovviamente è assolutamente necessario rispondere in maniera veritiera alle domande dell'autocertificazione FATCA.
Dunque non si può in nessun modo sostenere che un soggetto qualificabile all'interno dell'esempio 2 si possa ritenere "esonerato" dall'obbligo di presentazione del modello FBAR.


COSA SI DEVE DICHIARARE NEL MODELLO FBAR?

Nel modello FBAR vanno indicati tutti gli “account finanziari" detenuti da un Cittadino Americano al di fuori dell'America.
Il concetto di “account finanziario” è molto ampio e ricomprende a titolo esemplificativo:

-Conti correnti bancari e postali;

-Conti titoli;

-Conti deposito;

-Detenzione di titoli, obbligazioni, azioni;

-Fondi comuni d'investimento;

-Polizze assicurative;

etc.

Sono da dichiarare tutti gli account di cui il soggetto sia:

a) titolare;

b) contitolare;

c) legale rappresentante.

Pertanto anche una mera delega di firma comporta l'obbligo di indicazione all’interno del modello FBAR.

E' importante sapere che il valore da indicare nel modello è quello del VALORE MASSIMO raggiunto dall'account considerato nell'anno e non del saldo al 31/12.

CI SONO DELLE SOGLIE AL DI SOTTO DELLE QUALI NON E' OBBLIGATORIO PRESENTARE IL MODELLO FBAR?

Per quanto riguarda il modello FBAR, la soglia al di sotto della quale non è necessario fare alcuna segnalazione è quella di 10.000 dollari. Questa soglia è da intendersi come soglia aggregata massima. 
Nel caso di un soggetto che abbia due conti correnti si dovrà dapprima andare a vedere il valore massimo raggiunto nel corso dell'anno solare da ognuno dei conti correnti e poi si dovrà sommare tali valori.
Facciamo un esempio per chiarire il punto.

Esempio 3.
Il nostro Cittadino Americano residente in Italia detiene due conti correnti in Italia nel corso di un determinato anno. Il primo ha raggiunto nel corso dell'anno il valore massimo di euro 7.230, il secondo ha raggiunto il valore massimo di euro 4.580. Il soggetto deve compilare il modello FBAR, dato che la somma dei due valori massimi (7.230 e 4.580 euro) dà 11.810 euro, superiore al valore soglia di 10.000 dollari. Ciò vale anche se la somma dei saldi dei due conti correnti al 31/12 dell'anno considerato dovesse essere inferiore ai 10.000 dollari ed anche se il superamento del valore di 10.000 dollari fosse causato dal fatto che una somma (ad esempio di 3.000 euro) fosse trasferita da un conto all’altro nel corso dell’anno medesimo.

Da tener presente che la soglia di 10.000 è espressa in dollari, e pertanto è necessario fare il confronto con il cambio. In tal senso, l’IRS fornisce il dato del cambio da utilizzare per fare queste conversioni.


QUALI SONO LE SANZIONI IN CASO DI MANCATA PRESENTAZIONE DEL MODELLO FBAR?

Prima di vedere il profilo sanzionatorio del Modello FBAR, che è particolarmente importante, è necessario capire che il Modello FBAR, a differenza della Tax Return, non dà mai origine a delle imposte da pagare: si tratta, cioè, di un quadro di mero monitoraggio finanziario, che non determina il pagamento di imposte.
Pertanto, le sanzioni derivano sempre da un mancato adempimento dello stesso.

La sanzione per mancata o incompleta compilazione del modello FBAR, laddove si tratti di un errore derivante da "non willfulness" (cioè di non volontarietà nell'inadempimento, connessa con ignoranza della normativa) è pari a 10.000 $ per ogni account e per anno.

Siccome l'IRS può applicare le sanzioni per i 6 anni precedenti a quello del controllo, un Cittadino Americano residente in Italia che avesse, ad esempio, 2 conti correnti Italiani non dichiarati nei modelli FBAR rischierebbe fino a 120.000 $ di sanzione ($ 10.000 x 2 account x 6 anni).

L'IRS è poi intervenuto con una nota stabilendo che, al fine di evitare moltiplicazioni eccessive di sanzioni, si potrà eventualmente ridurre la sanzione a 10.000 $ per anno, indipendentemente dal numero di account; è da tenere presente che questa è, però, una mera facoltà dell'IRS e non un diritto del contribuente.

Si tratta perciò di un adempimento cui l'IRS tiene molto: da questo deriva il profilo sanzionatorio così importante che non deve essere assolutamente sottovalutato.

Facciamo presente che in caso in cui il soggetto si sia dimenticato di segnalare un determinato account nel proprio FBAR, esiste la possibilità di sanare l'errore compilando una procedura definita "Delinquent FBAR".


QUALI SONO LE PRINCIPALI SIMILITUDINI E DIFFERENZE TRA MODELLO FBAR E QUADRO RW DELLA DICHIARAZIONE DEI REDDITI ITALIANA?

Ricordiamo che il Quadro RW impone la segnalazione di tutti gli assets detenuti a qualsiasi titolo al di fuori dell'Italia. Pertanto se il Cittadino Americano residente in Italia si trovasse ad essere titolare di tre conti correnti bancari in Italia e di un conto titoli in America, gli adempimenti da fare sarebbero sia il modello FBAR (per i tre conti correnti Italiani) sia il Quadro RW per il conto titoli presente in America.
I due adempimenti hanno come oggetto sempre assets ed account diversi:
- il Quadro RW ha oggetto gli assets Americani;
- il Modello FBAR ha ad oggetto gli account Italiani.

Somiglianze tra Quadro RW e modello FBAR.

1) Sono entrambi adempimenti per il Monitoraggio Finanziario di attività detenute all'estero (dove per "estero" si intende rispetto al Paese che richiede l'adempimento).
2) Entrambi gli adempimenti prevedono delle soglie al di sotto delle quali non è necessario fare la presentazione.
3) Entrambi prevedono delle sanzioni importanti in caso di mancato adempimento.

Differenze tra Quadro RW e modello FBAR.

1) Il Quadro RW, pur avendo un suo impianto normativo, è spedito sempre all'interno della Dichiarazione dei Redditi Italiana.
Per contro il Modello FBAR è sempre un adempimento autonomo, anche se viene "accorpato" alla Tax Return.
2) Il Quadro RW riguarda tutti gli assets esteri, come gli Immobili, le automobili, le navi, gli aerei, etc.
Il modello FBAR, per contro, è un modello che si concentra esclusivamente sulla componente finanziaria della ricchezza del soggetto monitorato.
3) Le modalità di reporting sono più complesse nel Quadro RW Italiano, dato che è necessario riportare assets molto diversi tra loro.
Nel modello FBAR la regola è invece quella di riportare il valore massimo raggiunto dall'account durante l'anno considerato.
Facendo un breve raffronto tra i due adempimenti con un conto corrente estero avremo che:
- Il quadro RW comporta il calcolo della giacenza media del conto corrente estero, cosa che è abbastanza complessa dal punto di vista computazionale.
- Il modello FBAR richiede che sia preso il valore massimo raggiunto dal saldo di conto corrente, cosa determinabile facilmente avendo l'estratto conto sotto mano.
4) Il Modello FBAR non dà mai origine ad imposte, mentre non è così per il Quadro RW: per l'Italia la detenzione di alcuni assets esteri può comportare l'applicazione di due imposte patrimoniali, IVIE per gli immobili esteri ed IVAFE per gli investimenti finanziari esteri.

Enrico Povolo